0422 701091 Download

top arrow

Aumento di prezzo delle chiavette usb

chip usb

Pubblicato in data: 18/02/2017

Le chiavette usb sono un articolo molto particolare, sono  caratterizzate da sempre dalla loro instabilità di prezzo, non per nulla i listini dei fornitori non sono annui come per gli altri prodotti, ma quasi sempre settimanali.

La storia recente di questo prodotto però ci ha insegnato che come tutti gli articoli tecnologici, col passare del tempo subiscono delle diminuzioni di prezzo, e aumentano le loro capacità.

Da maggio del 2016 però c’è stata un’inversione di tendenza, infatti i chip sono in continua crescita al punto che per alcune memorie, ad esempio gli 8gb hanno subito un incremento superiore al 140%.

Perché stà accadendo tutto questo? E soprattutto, negli ultimi 20 giorni, perché il mercato dei chip è così instabile al punto che tutte le fabbriche Cinesi mantengono le quotazioni per un solo giorno?

Riteniamo che siano una somma di eventi che hanno causato ciò :

  • Dopo il capodanno Cinese la richiesta di chiavette usb cresce in modo esponenziale
  • Cambio €/ usd passato da 1,13 a 1,06 odierno
  • Il passaggio della tecnologia 2D a 3D NAND, ha colto impreparati molti produttori che non hanno ancora tecnologia adatta per questo chip
  • Molti smartphone sono in uscita nel periodo di febbraio quindi aumentata la richiesta di memorie
  • Grossa crescita delle memorie SSD che sono passate da un 32% del mercato nel 2015 al 43% nel 2017

Conclusioni

Si stà semplicemente attuando una BASICA legge di mercato, una maggiore richiesta fa aumentare i prezzi. Ora la domanda vera per tutti è : fino a quando cresceranno i prezzi? Qui è davvero difficile dare delle risposte e dare delle previsioni, ci vorrebbe la sfera di cristallo, però rumors di mercato dicono che da Marzo probabilmente ci dovrebbe essere una stabilizzazione dei prezzi. E quando ricominceranno a scendere ? Questa risposta è molto più difficile da trovare, ma se ne parla sicuramente da fine anno, infatti molti ritengono che i prezzi saliranno ancora del 15/20% prima di cominciare a scendere nuovamente.